Si deve utilizzare l'aciclovir per curare la varicella?

Creato da manut77 il: 22-01-2016

Buongiorno, ho un bimbo di 3 anni e mezzo ed alla sua scuola siamo alle prese con casi di varicella. Premetto che avrei voluto vaccinarlo ma alla mia asl non passano ancora il vaccino se non a bimbi con problemi particolari od ai nati dal 2015 e la mia pediatra ambulatoriamente non se la sente di somministrare il vaccino. Detto ciò, mi chiedevo, nel caso si presenti la malattia, se è opportuno trattare il bambino con aciclovir?

Risposta di: Anonimo del 24-01-2016

Gentile Sig.ra,

In merito al trattamento della varicella con aciclovir, le copio un estratto del mio articolo su questa patologia:

"Attualmente le linee guida per il trattamento della varicella non consigliano l’uso di aciclovir in bambini sani in quanto il loro sistema immunitario è in grado di smaltire autonomamente il virus con basso rischio di compicazioni. Nel caso in cui, in accordo con il proprio pediatra curante, si decida di somministrare l'aciclovir (da voi meglio conosciuto in commercio come Zovirax, Cicloviran o altri), è importante sapere che è utile solo se dato entro 24 ore dalla comparsa delle prime bollicine. Anche l’utilizzo dell’aciclovir per la prevenzione della malattia nei contatti (ad esempio, la sorellina di un bambino che ha contratto la varicella) è attualmente sconsigliato, così come non è utile l’utilizzo della pomata (comunemente usata per il trattamento, ad esempio, dell’herpes labiale)."

Come legge, il farmaco solo raramente viene utilizzato, d'accordo con il proprio pediatra di fiducia.

Le allego il mio articolo sulla varicella, dove troverà altre utili informazioni nel caso la malattia si presenti.

Se ha altre domande non esiti a scriverci,

Cordialmente,

Dott. Luca Astarita - Pediatra

 

Condividi:

Tutti i contenuti degli articoli pubblicati in questo sito e le risposte dei medici alle domande degli utenti non vanno intesi come sostitutivi rispetto al parere del proprio medico curante, ma solo come note a carattere informativo non rappresentando essi in nessun caso un atto medico. Si ricorda a tal proposito che ogni atto medico presuppone un’accurata conoscenza della storia clinica e l'esame obiettivo del singolo paziente.