Mia figlia di 15 mesi ha sempre il raffreddore! Che fare?

Creato da silvia berny il: 19-01-2016

buongiorno, sono la mamma di una bambina di 15 mesi, frequentante il nido. Due settimane fa l'ho sottoposta ad un'attenta visita pediatrica perché aveva un raffreddore prolungato con tosse che non passava. Dalla visita è emerso che aveva il raffreddore si era trasformato in sinusite, e faringite, pertanto il pediatra mi ha prescritto Supracef antibiotico per 10 giorni. Finita la terapia dopo alcuni giorni ha ricominciato il nido, bene è da 3 giorni che ha di nuovo un raffreddore costante e ora non so se è il caso di nuovo di farla visitare , vorrei evitare di nuovo la terapia antibiotica , ma ho paura che da solo non passi. Ha qualche consiglio in merito ? Grazie.

Risposta di: Anonimo del 20-01-2016

Salve Sig.ra,

le infezioni respiratorie ricorrenti dell'infanzia sono un diavolo che tutti i genitori (e i pediatri!) devono affrontare! E purtroppo quando i bambini frequentano un Nido (che fa bene e le febbri ricorrenti non sono un'indicazione a levarla dallo stesso!) la frequenza di queste infezioni aumenta ancora di più! La buona notizia è che nella stragrande maggioranza dei casi queste infezioni si limitano a essere infezioni delle alte vie respiratorie (rinite, faringite) di natura virale (più del 70% dei casi!), che si risolvono spontaneamente in 3-4 giorni. La tosse e il raffreddore invece no...soprattutto in questo periodo dell'anno possono durare addirittura mesi! Che fare allora? Curare il raffreddore e le infezioni con terapia sintomatica (lavaggi nasali, argotone, etc) e far controllare il bambino periodicamente o quando "sembra star peggio" dal proprio pediatra di fiduca! L'antibiotico servirà solo in poche occasioni (mai abusarne!), come può leggere dall'articolo che le allego.

Per qualsiasi altra domanda non esiti a scriverci,

Cordialmente,

Dott. L. Astarita - Pediatra

 

Condividi:

Tutti i contenuti degli articoli pubblicati in questo sito e le risposte dei medici alle domande degli utenti non vanno intesi come sostitutivi rispetto al parere del proprio medico curante, ma solo come note a carattere informativo non rappresentando essi in nessun caso un atto medico. Si ricorda a tal proposito che ogni atto medico presuppone un’accurata conoscenza della storia clinica e l'esame obiettivo del singolo paziente.