˙

Crescita neonato: quanti grammi al giorno dovrebbe mettere?

E' utile la doppia pesata? Quando bisogna dare l'aggiunta?

Scritto da Dott. Raffaele Troiano - Pediatra il

Una delle maggiori preoccupazioni delle mamme che tornano a casa appena dimesse dal nido è non avere latte a sufficienza e soprattutto di non riuscire a rendersene conto... “Come faccio a capire se il mio latte è abbastanza? Quanto deve crescere mio figlio?” si chiedono in molte.

L'apparente tranquillità di un neonatino che appare sazio al termine della poppata ed il fatto che il bimbo bagni e sporchi almeno 4-5 pannolini al giorno sono sicuramente segnali positivi circa l'efficienza dell'allattamento materno... c'è però da dire che l'unico modo sicuro per capire se il latte della mamma è sufficiente è monitorare l’aumento del peso.

Un neonato sano e che riceve tutto il latte di cui ha bisogno cresce mediamente 20-30 grammi al giorno ovvero circa 150-200 grammi a settimana. Questo ritmo di crescita così rapido è tipico dei primi 3 mesi dopodichè tende gradualmente a rallentare assestandosi sul "proprio percentile" di crescita... diventerà a questo punto fuorviante parlare di "quanti grammi al mese dovrebbe mettere" ma è molto più appropriato chiedersi "se mantiene o non mantiene il suo percentile di crescita".

La  famosa “doppia pesata” (cioè prima e dopo la poppata) tanto amata dalle nonne ed a cui diversi genitori ricorrono nei primi tempi per capire quanto latte ha preso il bimbo, oltre che inutile rischia di essere addirittura deleteria per l'efficienza dell'allattamento: provocando infatti ingiustificate preoccupazioni  può alterare la serenità e la "fiducia in se stesse" delle mamme e, una volta persa la fiducia nelle propria capacità di nutrice, il passo verso la fine dell'allattamento materno è purtroppo molto breve.

Ma perchè è poco utile effettuare la doppia pesata? Perchè rischiamo solo di confonderci le idee? La quantità di latte assunto durante una giornata può variare da poppata a poppata. Ciò che realmente interessa sapere non è quanto latte assume un neonato alla singola poppata delle ore X, ma, piuttosto, è interessante sapere se il volume di latte che complessivamente assume è sufficiente a sostenere un adeguato incremento ponderale. C'è poi da aggiungere che il peso stesso di ogni persona può variare durante una giornata in relazione alle eveacuazioni che compie e a vari altri fattori... ma se per un adulto di 70 Kg anche una variazione circadiana di 100-200 grammi non viene nemmeno presa in considerazione, in un neonatino di pochi chili una variazione di appena 40-50 gr incide eccome! Quindi? Cosa vogliamo dire? Semplicemente che pesando di continuo un neonato, tutti i giorni o peggio più volte al giorno, non facciamo altro che rischiare di naufragare nell'angosciante mare magnum di variabili che possono modificare minimamente il peso di un bimbo...30-40 grammi più / 30-40 grammi meno...di ora in ora...nei diversi momenti della giornata. E ciò ci confonderà solo le idee perchè non dipenderà in maniera esclusiva dalla quantità di latte che fuoriesce dal seno (come le povere mamme vengono indotte a pensare sentendosi talora frustrate di ciò). ma anche da diverse altre variabili impossibili da valutare.

Qual è la cosa giusta da fare? Pesare il neonato secondo le indicazioni del proprio pediatra che prevederà, nella stragrande maggioranza dei casi, almeno un controllo peso a settimana nei primi tempi. In casi particolari può essere necessatrio pesarlo ogni 4-5 giorni o può essere sufficiente pesarlo ogni 2 settimane... decide il pediatra in base al bimbo! Solo la "pesata settimanale" (e non la doppia pesata!) può dirci se c'è bisogno dell'aggiunta o meno!

Se hai trovato interessante questo articolo metti Mi Piace alla Pagina facebook Faro Pediatrico e sarai sempre aggiornato sulle principali novità in tema di salute e sicurezza dei bambini!

La morte improvvisa del lattante o morte in culla (SIDS): 10 consigli per evitarla..

Diffondiamo la cultura del "SONNO SICURO" e proteggiamoli dalla temuta morte bianca!
La morte improvvisa del lattante detta anche morte bianca o morte in culla, o indicata col termine anglosassone di “SIDS” (Sudden Infant Death... continua a leggere

Perchè attendere 3 giorni prima di iniziare l'antibiotico in corso di febbre?

Quando iniziare subito l'antibiotico e quando invece attendere?
Capita spesso che in corso di febbre associata a sintomi respiratori (tosse, muchi etc…) il pediatra ci suggerisca di aspettare almeno due o tre giorni... continua a leggere

Bimbo che batte la testa: quando è a rischio di emorragia interna?

Cosa fare se un bambino subisce un trauma cranico? Quando è utile una TAC cranio?
Quando un bimbo batte la testa, magari cadendo dal fasciatoio, dal letto o ruzzolando mentre corre spedito, possono accadere due cose, la prima più... continua a leggere

Condividi l'articolo

Seguici su Facebook

Tutti i contenuti degli articoli pubblicati in questo sito e le risposte dei medici alle domande degli utenti non vanno intesi come sostitutivi rispetto al parere del proprio medico curante, ma solo come note a carattere informativo non rappresentando essi in nessun caso un atto medico. Si ricorda a tal proposito che ogni atto medico presuppone un’accurata conoscenza della storia clinica e l'esame obiettivo del singolo paziente.
Le monografie di farmaci presenti su questo sito non sono sostitutive del bugiardino contenuto nella confezione in quanto ne costituiscono una sintesi semplificata.